Direttiva Omnibus

Direttiva Omnibus

Armonizzare le norme a tutela dei consumatori tra gli Stati membri dell’UE e aggiornare la disciplina per adeguarla ai cambiamenti di un mercato sempre più digitale: è questo lo scopo della Direttiva UE 2019/2116, conosciuta anche come “Direttiva Omnibus”. Approvata il 27 novembre 2019, la direttiva introduce importanti novità nell’ambito delle norme a tutela dei consumatori volte ad aumentare la trasparenza, contrastare le pratiche sleali e rafforzare le sanzioni. In Italia la direttiva è stata recepita con il decreto legislativo (d.lgs) n. 26 del 7 marzo 2023, in modifica del d.lgs. n. 206 del 6 settembre 2005, anche conosciuto come “Codice del Consumo”. La direttiva indica una serie di obblighi a cui i “professionisti” che forniscono un bene o un servizio (anche digitale) devono sottostare e amplia la lista delle pratiche commerciali che sono giudicate “sleali” all’interno del mercato unico europeo, per includere:
  • dual quality, ossia quelle attività di marketing che promuovano un bene come identico a un bene commercializzato in altri Stati membri, mentre quest’ultimo bene ha una composizione significativamente diversa
  • la classificazione di beni o servizi come risultato di una ricerca online senza la chiara comunicazione dei criteri con cui quei servizi vengono classificati e l’eventuale presenza di pubblicità o altri accordi commerciali con il fornitore che hanno influenzato tale classificazione
  • l’indicazione di recensioni fornite da altri utenti che non siano corrispondenti con la realtà o che non siano state adeguatamente verificate
  • l’invio o la commissione di recensioni false

Prossimo Evento

In passato, questo argomento era presente in questi corsi: